Sorgerà a Tel Aviv un monumento ai gay vittime dei nazisti

Un triangolo rosa in cemento sorgerà nel centralissimo parco Gran Meir di Tel Aviv per ricordare gli omosessuali vittime dei nazisti.

Sorgerà a Tel Aviv un monumento ai gay vittime dei nazisti

Mentre in alcuni paesi del mondo le persone omosessuali e transessuali vengono perseguitate per via del loro orientamento sessuale, in altri si compiono gesti concreti per sottolineare che i diritti gay sono diritti umani. In Israele, per esempio, è stato deciso di innalzare un monumento in memori di tutte le persone lgbt vittime dei nazisti nei campi di concentramento.

A Tel Aviv, nel centralissimo parco Gran Meir, ci sarà un triangolo rosa, simbolo con cui i nazisti indicavano gli omosessuali nei campi di concentramento (le lesbiche avevano il triangolo nero perché classificate come “asociali”). Il triangolo sarà in cemento e verrà inserito in un altro di colore bianco.

Nei pressi del triangolo ci sarà anche una panchina con una targa che ricorderà le moltissime vittime omosessuali dei campi di concentramento. Sulla targa ci sarà scritto: “In memoria di quanti sono stati perseguitati dal regime nazista per via del loro orientamento sessuale e per la loro identità di genere”.

Stando alle fonti storiche, durante il Terzo Reich sono stati circa cinquantamila gli omosessuali deportati in base al paragrafo 175. Nei campi di concentramento si calcola che morirono tra i settemila e i diecimila omosessuali.

Sarà il primo monumento in Israele eretto a ricordo degli omosessuali vittime del nazismo. Il costo sarà di circa trentamila euro e l’idea, subito sostenuta da Ron Huldai, sindaco di Tel Aviv, è stata dell'avvocato Eran Lev, consigliere comunale del “Meretz”, il partito di sinistra.

Via | L'Huffington Post

  • shares
  • Mail