File rubati, accuse su fondi pubblici e incarichi per Arcigay


È bufera sull'Arcigay, a causa di un audio "rubato" in cui il presidente nazionale Patanè parla al telefono di Vladimir Luxuria e fa riferimento a congressi e voti. Poi ci sono le accuse per l'utilizzo di fondi pubblici che, a quanto pare, dovevano essere destinati a un numero verde nazionale per il "telefono amico", ma non è chiaro come siano stati usati.

A dar retta a un articolo del Riformista c'è poco da stare allegri: attorno alla più grande associazione lgbt italiana c'è uno scontro in atto. Peraltro, negli ultimi giorni diversi quotidiani hanno deciso di occuparsi di Arcigay con titoli di giornale di vario tenore.

La questione non è secondaria, visto che Arcigay parteciperà quest'anno, insieme al Mario Mieli, all'organizzazione dell'Europride di Roma. Speriamo che si faccia chiarezza e ovviamente anche qui daremo spazio alle spiegazioni e alle repliche dei dirigenti di Arcigay. Ma ricordiamoci che un'associazione è fatta dai suoi "capi", ma soprattutto dai militanti.

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: