Ostia: dipendente stabilimento balneare intima a due gay di non baciarsi e di allontanarsi


Dopo il bacio gay in Sardegna che ha turbato alcuni genitori omofobi, ecco una notizia simile arrivae Ostia, in provincia di Roma. Daniele Stoppello, responsabile dell'Ufficio legale di Arcigay, racconta l'accaduto:

"Si stavano baciando in spiaggia, quando un dipendente dello stabilimento balneare ha chiesto loro di smetterla e di allontanarsi perché segnalati da tre bagnanti che si ritenevano infastiditi dai loro baci. È successo alla fine di luglio sul litorale di Ostia a Roma a due ragazzi ventenni: R. e M., entrambi romani, che si sono rivolti alla nostra associazione per denunciare l'accaduto e richiedere supporto. L'episodio si è verificato nello stabilimento balneare 'Settimo Cielo', conosciuto e frequentato da anni dalla comunità lesbica e gay. A seguito della discussione che è nata con il dipendente dello stabilimento, a cui hanno assistito diverse persone, i due ragazzi hanno chiamato le Forze dell'Ordine, che sono intervenute per riportare la calma"

Un bacio ed ecco cosa succede in una spiaggia italiana. Infine l'intenzione di pretendere un risarcimento per l'accaduto, in modo da creare un precedente che regoli così il rispetto per la libertà altrui:

"Proprio per sottolineare il disagio che questo episodio ha arrecato ai due ragazzi chiederemo un risarcimento danni al dipendente dello stabilimento perché è stato compromesso il diritto di godimento di un bene demaniale in condizioni di parità dei diritti e delle libertà. E' necessario fare in modo che comportamenti simili non si ripetano mai più".

Fabrizio Marrazzo, per l'ennesima volta, chiede un intervento delle istituzioni a lottare contro l'omofobia. Ma, non so perché, ho la sensazione che anche in questo caso l'appello sarà inascoltato. Non c'è stata nemmeno un'aggressione per la quale indignarsi pubblicamente e ripetere il proprio impegno... quindi non meriterà ulteriore attenzione nel settore politico.

"Alle Istituzioni ribadiamo l'invito a un impegno contro l'omofobia e ogni forma di discriminazione con iniziative culturali, sociali e formative. E' importante coinvolgere anche il mondo economico e le associazioni di categoria perché Roma possa uscire dalla crisi economica anche grazie al suo essere una città accogliente e più libera, capace di attrarre turisti come le altre mete internazionali".

Via | UfficioStampa Arcigay