Terremoto in Abruzzo: Arcigay raccoglie fondi con l'Arci


Anche l'Arcigay si è impegnata direttamente nella raccolta di fondi per le vittime del terremoto che ha devastato L'Aquila e distrutto intere frazioni del capoluogo abruzzese. Ci sono diversi modi per contribuire personalmente: da tutta Italia si può fare un offerta a un conto corrente presso la Banca Etica, a Roma invece si dà una mano anche partecipando ad alcune serata che si impegnano a devolvere parte degli incassi per gli sfollati.

Molti di voi - e vi ringraziamo - hanno segnalato queste iniziative, ma vi ricordiamo di usare gli strumenti appositi, cioè l'email o la funzione Segnalazioni. Arcigay nazionale aderisce alla raccolta di fondi curata dall'Arci. Basta fare un'offerta al seguente conto: IBAN IT 32 K 05018 03200 000000128000 intestato a: Associazione Arci - Via dei Monti di Pietralata 16 - 00157 Roma Causale: Emergenza Terremoto Abruzzo

La comunità romana, invece, invita a donare beni di prima necessità presso il centro di raccolta attivato nella sede di Arcigay Roma in via Zabaglia 14; anche i bar della Gay Street di via di San Giovanni in Laterano (come il Coming Out) devolveranno una quota per ogni consumazione effettuata; sabato sera, invece, per ogni ingresso alla serata Gorgeous, l’Alpheus donerà 1 euro alle famiglie abruzzesi.

Anche la presidente di Arcigay L'Aquila, Carla Liberatore, è rimasta senza casa; lei e la sua famiglia, però, si sono salvati perché dopo le prime scosse attorno a mezzanotte avevano lasciato l'abitazione per dormire in auto. Anche noi esprimiamo a loro e a tutte le vittime la nostra solidarietà.