Barack Obama contestato da un'attivista transessuale

 

Barack Obama ha ricevuto alla Casa Bianca i rappresentanti delle associazioni LGBT in occasione del mese del Pride. Tra le altre cose, il Presidente Obama ha affermato:

Insieme abbiamo fatto più di quanto non sia mai stato fatto prima per i diritti delle persone gay, lesbiche, bisex e trans nella nostra storia. Quando sono diventato presidente il matrimonio gay era legale in soli due Stati, ora sono 37 più il distretto di Colombia.

Durante il suo discorso, però, Obama è stato contestato da un’attivistaJennicet Gutiérrez, donna transessuale, tra le fondatrici dell'organizzazione Familia Tqlm, ha interrotto il presidente chiedendogli ad alta voce: “Presidente Obama libera tutti gli immigrati LGBT. Sono stanca della violenza che siamo costretti a subire”. Lì per lì Obama è stato spiazzato, poi ha detto: “Ascolta, sei a casa mia: non è rispettoso interrompermi perché sei ospite, vergogna”.

Alla fine il presidente si è visto costretto a farla portare fuori dalla Casa Bianca.

 

Via | Repubblica

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati