23 settembre 2011: i nomi dieci politici gay e omofobi italiani saranno resi noti - Scatta l'ora dell'outing?

Questa notizia era stata data proprio alla vigilia della giornata di voto per far passare la legge contro l'omofobia. Poteva suonare come una minaccia ma, forse, era semplicemente la reazione di chi è stanco di non veder passare i propri diritti e di sentirsi cittadino di serie B. Il resto è storia: la legge non è passata e i nomi dei politici gay e omofobi non sono stati fatti. Ora, invece, pare le cose possano cambiare...

La data fissata è quella del 23 settembre. Meno di dieci giorni e gli attivisti gay (ovviamente anonimi) manderanno mail per rivelare i nomi di quei politici che hanno sempre espresso parare contrario al mondo Lgbt per poi, magari, portarsi a letto o avere una relazione con persone dello stesso sesso.

Proprio Aurelio Mancuso ne aveva parlato lo scorso luglio di questa iniziativa:

"L'outing sarà uno strumento di pressione politica. In questi 40 anni abbiamo preso solo sberle è venuto il momento di alzare il tiro. Non vogliamo sputtanare i gay nascosti in parlamento, solo quelli che offendono i gay"

Gli ideatori di questo progetto avrebbero in mente di pubblicare tutto su un server estero in modo da non essere perseguibili. E Mancuso cosa pensa di questa iniziativa? Lui non è affatto preoccupato:

"I nomi non vi faranno balzare dalla sedia, ma questo è solo un assaggino".

Via | Net1News