Proprietario di un night non vuole far entrare una trans nel suo locale "perché possiamo"

Accusa di transfobia per i gestori di un locale di Atlanta

Il Don Pollo Bar & Grill è un club di Atlanta, in Georgia, e proprio in quel locale, lo scorso venerdì 8 novembre 2013, Allisah Brooks si è vista negare l'accesso.

Lei è una performer drag e un uomo della sicurezza le avrebbe chiaramente detto: "Tu non puoi entrare perché sei un uomo". Dopo le iniziali proteste, anche i suoi amici sono intervenuti per chiedere il motivo di tale rifiuto. La risposta?

"Perché noi possiamo"

A quel punto, con la scena filmata della risposta da parte della sicurezza all'esterno del locale, il gruppo di persone si è rivolto ad un dipendente del locale, specificando la risposta ottenuta. E il commento è stato pessimo, allo stesso livello:

"E che cosa c'è di male?"

Inutili le lamentele a questa ennesima replica:

"Sì, possiamo farlo. Abbiamo il diritto di essere selettivi... Possiamo farlo, siamo in una proprietà privata. E Abbiamo il diritto di farlo"

Allisah, vittima della discriminazione, ha raccontato così il suo stato d'animo, ferito e deluso:

"La mia reazione è stata semplicemente di sorpresa... Non mi era mai accaduto prima. Così ci si sente a disagio. E' per il prossimo, sto solo diffondendo l'accaduto così tutti ne sono a conoscenza. Sono stata contattata dall'associazione per i diritti gay GLAAD e la mia migliore amica Kat Graham mi sta aiutando a condividere la storia affinché tutti siano a conoscenza della situazione. Io non voglio fare causa ma avere solo consapevolezza. Potrei capire se fosse stata una scelta dovuta a un codice di abbigliamento. Ma io non sono la prima trans e di certo nemmeno l'ultima"

Via | Gay Star News

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati