Elton John genitore più di Gianna Nannini


A 63 anni Elton John è diventato il padre di Zachary. Gianna Nannini ha vissuto di recente un’esperienza analoga. Il 26 novembre ha messo al mondo Penelope. Lo scorso 14 giugno la cantante ha compiuto 54 anni. Nove in meno del baronetto pop.

Attorno alla gravidanza della cantante si è scatenato un vero e proprio dibattito. Io stesso ho criticato Gianna Nannini. Genitori si può diventare in ogni momento della propria vita purché si capisca come si può farlo per tutelare il bambino a cui ci si dedica. I soldi possono comprare un desiderio ma non il tempo. Zachary e Penelope hanno meno possibilità di altri bambini di vivere la propria età matura senza i genitori.

Gianna Nannini per la sua gravidanza è stata criticata molto. Massimo Giletti ha dedicato alla gravidanza della donna una puntata dell’Arena, il contenitore televisivo domenicale che negli ultimi mesi non ha perso occasione per aggiornare il proprio pubblico sulla vicenda di Sarah Scazzi.

Di Elton John probabilmente non si occuperà. Nei confronti dell’uomo, e della decisione di diventare padre a sessant’anni compiuti, c’è un’indulgenza che non è stata manifestata con Gianna Nannini.

Nessun sito femminista, nemmeno quello delle nostre colleghe di Pinkblog, ha fatto notare la disparità di trattamenti. Questa osservazione non è stata fatta neanche dai principali siti GLBTQ che hanno scritto della nascita di Zachary.

Ognuno è libero di scrivere e dire ciò che vuole. Prendere una posizione non è obbligatorio. Probabilmente per gay e lesbiche, soprattutto in Itala, sarebbe meglio criticare il desiderio di Elton John spiegando una volta di più che non tutti gli omosessuali decidono di diventare genitori per evitare l’abuso di Viagra.

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: