Olimpiadi invernali 2014 a Sochi: preoccupazione per gli sportivi gay in gara in Russia

Le Olimpiadi invernali si terranno a Sochi, in Russia, ma ci sono molti interrogativi a causa della legge sulla propaganda gay

Putin firma la legge che vieta la “propaganda gay”

La legge sulla propaganda gay in Russia provoca polemiche e ovvie critiche. Impedisce a chiunque di poter parlare di omosessualità in maniera pubblica, sia in un discorso, sia in tv, sia attraverso qualsiasi mezzo di informazione e comunicazione. E a Sochi si terranno le prossime Olimpiadi invernali.

A questo punto -solo per questo?- il Comitato olimpico australiano ha sottolineato il possibile disagio o gli eventuali problemi che potrebbero avere i loro sportivi apertamente gay. Ricordiamo, ad esempio, dei quattro olandesi fermati perché giravano un documentario sull'omosessualità.

Il sito australiano news.com.au sottolinea come questa legge

"permetta alla polizia di arrestare i turisti o stranieri sospettati di essere gay o lesbich. Oltre ad essere una violazione dei diritti umani, la legge va direttamente contro la Carta internazionale della non-discriminazione del Comitato olimpico"

A questo punto, il Comitato ha voluto specificare di essere certo che i proprio atleti saranno rispettati e non incapperanno in problema proprio a causa di questa nuova legge.

Una sicurezza o una speranza?

Via | TM News

  • shares
  • Mail