Stati Uniti. Il comune di Atlanta risarcisce bar gay

Nelle ultime settimane in Italia si ragiona spesso delle forze dell’ordine. Non sempre chi dovrebbe garantire ai cittadini la sicurezza agisce bene. Capita di sbagliare. Un errore non è di per sé grave. Uno scivolone diventa un problema se non si ammette di aver fatto qualcosa che non andava fatto.

Roberto Maroni, ministro degli Interni, non ha chiesto scusa a Mohammed Fikri, il marocchino fermato per il presunto omicidio di Yara Gambirasio. Gli agenti hanno bloccato Fikri in acque internazionali per colpa di una traduzione sbagliata.

Nel mondo però ci sono posti dove le forze dell’ordine pagano i propri errori. Il comune di Atlanta dovrà darà un milione di dollari ai proprietari del Eagle, un locale gay messo a soqquadro dalla polizia nel 2009. La polizia, in quell’occasione, non trovò nessun escort omosessuale. Nel locale c’erano solo dei tranquilli clienti.

Il sindaco Kasim Reed si è detto molto dispiaciuto per quanto successo. L’esponente politico ha fatto le proprie scuse solo dopo la lettura della sentenza che obbligava il comune di sua competenza a risarcire i suoi concittadini.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: