Pat Quinn, governatore dell'Illinois, sarà un “cattivo cattolico” se firmerà la legge sulle unioni civili

Pat Quinn, governatore dell'Illinois, sarà un â��cattivo cattolicoâ�� se firmerà la legge sulle unioni civiliThomas John Paprocki (in foto), vescovo cattolico di Springfield – capitale dell'Illinois – , ha criticato duramente il governatore dello stato Pat Quinn, che è cattolico, perché, come vi abbiamo già detto, ha annunciato di voler firmare la legge di unioni civili approvata dalle camere. Per monsignor Paprocki tale decisione “trasforma” Quinn in un cattivo cattolico:

Se il Governatore – ha detto il presule – desidera seguire un'agenda laica per motivazioni politiche, è un suo diritto e ne risponderà agli elettori, ma se parla come cattolico deve rispondere all'autorità cattolica e la chiesa cattolica non approva né le unioni civili né alcun'altra misura contraria alla legge naturale.

Pat Quinn non si è lasciato intimidire e ha così commentato le episcopali affermazioni:

Seguo i dettami della mia coscienza. Credo che tutti dovrebbero farlo. E la mia coscienza, oggi, non mi sta dando calci negli stinchi.

A sostegno del governatore arrivano anche le dichiarazioni del sindaco di Chicago, Richard M. Daley, che è contento dell'approvazione della legge di unione civile, anche se spinge per il matrimonio gay:

Si è compreso che si deve concedere a tutti gli stessi diritti in base alle leggi dello stato. Ma si dovrà giungere al matrimonio tra persone dello stesso sesso. E dovrà farsi rapidamente.

Che bello quando i politici si schierano a difesa dei cittadini (è questo il motivo per cui vengono eletti, no?)

  • shares
  • Mail