Solo famiglia tradizionale nelle pubblicità brasiliane

Il deputato brasiliano Salvador Zimbaldi ha presentato un progetto di legge per regolamentare la pubblicità in cui si dice, tra l’altro, che si potranno mostrare solo famiglie composte da un uomo e una donna.

Solo famiglia tradizionale nelle pubblicità brasiliane

Nuova iniziativa omofoba in Brasile. Dopo il ritiro del progetto di legge che voleva introdurre di nuove le terapie riparative per curare l’omosessualità (a oggi vietate dal Consiglio Federale degli Psicologi del Brasile), il deputato Salvador Zimbaldi ha presentato un progetto di legge per vietare la rappresentazione di modelli di famiglie diverse da quella tradizionale nella pubblicità rivolta ai minori.

Salvador Zimbaldi ha rispolverato un progetto già presentato nel 2001 il cui obiettivo era quello di regolare la pubblicità per i minori, ma introducendo l’obbligatorietà di rappresentare modelli di famiglia composti unicamente da un uomo e una donna, tagliando fuori di netto le famiglie monoparentali e quelle omoparentali. Gli inserzionisti che violeranno tale norma saranno sanzionati con multe fino a centomila real (poco più di trentatremila euro). Il disegno di legge dovrà ora essere discusso dall’apposita Commissione della Camera dei Deputati.

L’iniziativa di Zimbaldi è stata fortemente criticata dal deputato Jean Wyllys, gay dichiarato, per il quale una tale legge renderebbe invisibile tutti i modelli familiari diversi da quello tradizionale e farebbe sentire coloro che non vivono in una famiglia “alla Mulino Bianco” come se non avessero una famiglia vera e propria (in Brasile non si dice “alla Mulino Bianco” ma si esprime lo stesso identico concetto con l’espressione “famiglia margarina”)

Zimbaldi è un deputato del Partido Democrático Trabalhista, formazione di centro-sinistra. Ma è anche un fervente cattolico, vicino al movimento del Rinnovamento Carismatico, che si oppone all’aborto e al matrimonio tra persone dello stesso sesso. Un esempio significativo di come l’integralismo cristiano sia presente tra le fila dei partiti politici brasiliani indipendentemente dalla loro ideologia. E se sul versante cattolico abbiamo Zimbaldi, non dimentichiamo che per quel che riguarda la fede evangelica un posto di spicco è occupato da Marco Feliciano, pastore evangelico e omofobo di ferro, che presidente la commissione dei Diritti Umani.

Via | Dos Manzanas

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail