Perquisita la casa di Bruce LaBruce per via del suo film sugli zombie gay

Perquisita la casa di Bruce LaBruce per via del suo film sugli zombie gay

Lo scorso mese di luglio, il film L.A. Zombie di Bruce LaBruce con Francois Sagat era stato escluso dal Festival Internazionale del Cinema di Melbourne per via dei suoi contenuti (tra cui la necrofilia) ritenuti troppo forti.

Il fatto è che, dopo il divieto di proiezione del film durante il Festival, L. A. Zombie non è stato proiettato nelle sale commerciali australiane, dal momento che la censura non ha dato alcun visto alla pellicola, requisito obbligatorio perché un film venga proiettato nel nuovissimo continente. Tale divieto, però, pare non abbia scalfito minimamente Bruce LaBruce che, un paio di mesi fa, ha organizzato una proiezione clandestina del film – durante il Festival del Cinema Undergorund di Melbourne –, sfidando la censura e il divieto.

Cosa, questa, che non è piaciuta alle autorità australiane che così, nei giorni scorsi, hanno inviato la polizia a casa di Bruce LaBruce per una perquisizione al fine di vedere se ci fossero altre copie del film. Perquisizione che è stata infruttuosa, dal momento che non è stato trovato alcunché. Copie del film non sono state trovate nemmeno a casa di Richard Wolstencroft, direttore del Festival del Cinema Undergorund.

Aggirare la censura nello stato di Victoria, in Australia, che ha come capitale Melbourne, comporta una pena massima di due anni di carcere e una multa di trentamila dollari australiani (poco più di ventunmila euro). Né Bruce LaBruce né Richard Wolstencroft temono, comunque, di essere arrestati.

Come ben sapete Bruce LaBruce è considerato una sorta di icona del mondo gay underground e già nel 2008 fu al centro di un'altra polemica per via del suo Otto: Or up with Dead People, film di zombie gay che si nutrono delle interiora delle proprie vittime per creare un esercito di morti viventi nella Germania rurale. L. A. Zombie è stata presentata durante lo scorso Festival del Cinema di Locarno e in diversi hanno abbandonato la sala prima del termine della proiezione.

Foto | Cineblog

  • shares
  • Mail
19 commenti Aggiorna
Ordina: