Il ministro gay Westerwelle contro l’omofobia di Silvio Berlusconi?


Se davvero la recente dichiarazione di Silvio Berlusconi, secondo il quale è meglio guardare una bella ragazza che essere gay, fosse stata solo una battuta, come ha sostenuto qui Daniele Onori di “Gay e Libertà”, non si sarebbero verificati gli incidenti diplomatici che voglio sottoporre alla vostra attenzione.

Guido Westerwelle, ministro tedesco degli Esteri, probabilmente non incontrerà Silvio Berlusconi nelle prossime settimane in Germania come era stato previsto. L’esponente politico, che di recente ha ufficializzato l’unione con il compagno, non ha infatti gradito il pensiero omofobo del presidente del Consiglio.

Secondo la stampa locale Westerwelle non dovrebbe incontrare Berlusconi per essere coerente con quanto dichiarato in altre occasioni. Il ministro degli Esteri aveva infatti fatto sapere che i suoi viaggi di lavoro sarebbero stati organizzati solo in paesi gay-friendly.

Il ministro italiano degli Esteri Franco Frattini non si è ancora pronunciato sull’incidente diplomatico. A la7, parlando di quanto dichiarato dal capo del Governo, ha dichiarato:

“Berlusconi ha il gusto della battuta e in molti casi le sue battute sono state smentite dai fatti positivi, vale anche nel caso dei gay con la politica del Governo italiano, con il lavoro del ministro Carfagna, sempre rispettosa e promotrice di iniziative mirate contro l'omofobia”.

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: