Quotidiano americano si rifiuta di pubblicare annuncio di nozze gay: "Non siamo ipocriti, noi siamo per il matrimonio uomo-donna"

coppia gay rivista

Greg Gould e Aurelio Tiné (foto) si sono sposati (beati loro!), pochi giorni fa, a Portsmouth. Così, hanno deciso di fare l'annuncio anche sul quotidiano che leggono, il New Hampshire Union Leader. E qui c'è stato il problema: il giornale si è, infatti, rifiutato di pubblicare la notizia data. Ebbene sì. I due si sono lamentati e l'accaduto è arrivato fino al democratico Paul Hodes, che ha scritto proprio una lettera al giornale sotto accusa. Ecco alcuni passaggi:

"Ho letto con delusione che la Union leader ha deciso di non pubblicare l'annuncio di Greg e Aurelio. La coppia si sta per sposare, regolarmene, questo fine settimana, nel Portsmouth. Lo scorso anno, anche il New Hampshire ha reso legale i matrimoni tra persone dello stesso sesso. (...) La gente può essere anche contraria alla politica attuale ma una volta che la legge è stata ufficializzata, il giornale dovrebbe mettere da parte le differenze e permettere ad ogni coppia di avere accesso alle sue pagine"

Pensate che queste parole abbiano colpito i diretti interessati? Neanche per sogno! Ecco come hanno risposto:

"Questo giornale non ha mai pubblicato annunci di matrimoni o fidanzamenti da coppie omosessuali. Sarebbe ipocrita farlo adesso, dal momento che rimane la nostra concezione che il matrimonio sia e debba essere solo un legame civile e sociale tra uomini e donne, dal momento che ci opponiamo al legalizzare le nozze gay. La decisione non è avvenuta tramite referendum pubblico e mai in nessun posto in cui le persone hanno votato, è stato concesso il matrimonio gay. Non siamo anti gay od omofobi. Noi pensiamo che il matrimonio debba essere l'istituzione che è sempre stata, tra un uomo e una donna. La legge lo permetterà pure ma non per questo le chiese celebrano i matrimoni tra gay e pure noi scegliamo cosa pubblicare o bocciare. In accordo con questo nostro pensiero, noi continueremo a scegliere le lettere o gli annunci dei cittadini con i quali siamo d'accordo."

Inutile dire che la coppia di sposi ha immediatamente disdetto l'abbonamento al giornale. E, sinceramente, una simile risposta dimostra il totale disinteresse a mettersi in discussione o comprendere altre condizioni di vita. E' un po' il motto dei bambini, quando dicono "il giocattolo è mio, ci gioco io e decido io chi può usarlo".

Peccato che si tratti di un giornale pubblico...

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 11 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO