Sentenza storica in Cile: riconosciuto diritto di adozione a un gay

Sentenza storica in Cile: viene riconosciuto il diritto di adozione a un gayUn giudice di Santiago ha riconosciuto che l'orientamento sessuale di una persona non è un elemento che possa inficiare l'idoneità di chi adotta e ha permesso a un uomo gay – Elías Bermúdez (in foto) – di adottare suo nipote. La sentenza ne ribalta una precedente di una corte distrettuale che aveva negato la custodia di un bimbo di poco meno di tre anni a suo zio, basando il rifiuto sul fatto che lo zio fosse omosessuale.

Esultano – e ne hanno motivo – le associazioni glbt cilene. Rolando Jiménez presidente del Movimento di Integrazione e Liberazione Omosessuale del Cile, ha definito storica la sentenza:

“È un verdetto storico perché toglie di mezzo il precedente giuridico per il quale l'orientamento sessuale della persona che richiede l'adozione non è da tener presente per valutare l'idoneità del richiedente stesso. Siamo contentissimi ed emozionati perché tale sentenza ridisegna un quadro qualitativamente migliore rispetto a come veniva percepita la relazione tra omosessualità e adozione o affido dei minori”.

Anche se le sentenze su questo tema non fanno giurisprudenza è pur sempre un passo avanti. Ancora una volta, dunque, dall'America Latina giungono notizie di speranza per i diritti gay.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: