Paola Concia contro Riccardo Missiato, il sindaco omofobo di Spresiano


Le dichiarazioni omofobe di Riccardo Missiato, il sindaco omofobo di Spresiano che nei giorni scorsi si è auspicato la scomparsa dei gay malati e deviati dal Piave (cito testualmente), malgrado la gravità sono state prese in considerazione solo da Paola Concia.

L’esponente del Partito Democratico, come osservato da River, ha chiesto al proprio partito di ritirare l’appoggio senza il quale Riccardo Missiato non potrebbe amministrare il territorio che al momento gestisce.

“Invito - ha dichiarato Paola Concia - anche gli organi locali del mio partito a fare pressione sul sindaco affinché rinunci ai suoi insani propositi e chieda scusa per le sue improvvide parole. In mancanza di ciò, spero che il Pd voglia prendere in seria considerazione l'ipotesi di ritirare il proprio appoggio a una persona evidentemente incompatibile con i valori di rispetto, accoglienza e non discriminazione propri del Partito Democratico”.

In attesa di capire come e se Pierluigi Bersani, segretario del Pd, farà proprio la giusta osservazione di Paola Concia non possiamo che registrare un miglioramento nell'attività politica della sostenitrice di Ignazio Marino.

La stessa attenzione che ha adottato nei confronti di Riccardo Missiato non l’ha usata per svegliare il proprio partito sulle dichiarazioni, altrettanto criticabili, di Cristiano De Eccher.

Probabilmente si è trattato di una svista. L’omertà adottata in più occasioni da Pierluigi Bersani sui casi di cronaca aventi come protagonisti gay e lesbica, invece, più passa il tempo e meno sembra un fraintendimento tra il leader politico e i suoi elettori omosessuali.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: