E' queer il cineforum dell'Open Mind di Catania

L'appuntamento è per stasera alle 21.30 presso la sede di sede di via Gargano 33 a Catania. Il primo ciclo di proiezioni per la rassegna cinematografica dell'associazione Open Mind -centro di iniziativa gay lesbica bisessuale trans è dedicato alle donne e intitolato "Eva contro Eva". Il film che viene proposto oggi è "Quelle due" del 1967, con Audrey Hepburne e Shirley MacLaine.

La chiave di lettura e lo spunto di riflessione della proposta cinematografica dell'associazione siciliana è il queer, che al'Open Mind spiegano così:

Il termine queer vuol dire molte cose, non tutte coerenti, è fluido, permeabile, sfuggente. E' un aggettivo che nella lingua inglese, in origine, significava "strano". Il termine, a sua volta, deriva dal tedesco que che significa di "traverso" e che nel dialetto napoletano ha dato origine a "quequero". In inghilterra era usato come insulto rivolto a persone gay, equivalente all'italiano "frocio" o al catanese "puppo". Il suo uso ha subito profondi cambiamenti ed è attualmente controverso. Molte persone LGBT (lesbiche, gay, bisex, trans) e "minoranze" etero ritengono che autodefinirsi queer sia un modo positivo per riappropriarsi di una parola a loro ostile e così indebolirla del suo potere offensivo; per superare le rigide limitazioni della tradizionale interpretazione binaria dell'orientamento sessuale (omo/etero o bi-) e dell'identità di genere (maschile e femminile); e ancora per contrapporsi agli stereotipi diffusi nello stesso ambiente LGBT. Definirsi queer significa buttare nel cestino le categorie sessuali e le aspettative sociali ad esse culturalmente legate.

La proposta per le prossime settimane prevede la proiezione di "Orlando" il 14 febbraio e "Aimée & Jaguar" per il 21 febbraio. Tutte le info sono disponibili anche sul blog dell'Open Mind.

  • shares
  • Mail