Roma Pride 2010, spot offensivo con luoghi comuni: ceretta, Amici, Will & Grace e superficialità gay

Roma Pride 2010, spot offensivo con luoghi comuni: ceretta, Amici, Will & Grace e superficialità gay

Ecco qua lo spot ufficiale per il Roma Pride 2010 del 3 luglio. Vorrei trovare un lato positivo in questo video. Mi ci sto sforzando. Però non ci riesco proprio. Io mi chiedo solo alcune cose. Siamo nel 2010, in un Paese che cerca di sconfiggere i luoghi comuni, di sfatare il legame gay=superficiale che pensa solo al sesso o a Madonna (quella che canta), Britney, cerette e televisione. Insomma: i gay sono persone come tutti quanti, hanno diritti, hanno doveri, devono poter amare, perché provano seriamente sentimenti, vogliono seriamente un unione civile e non per un misero capriccio, sono seriamente stanchi della discriminazione. E poi... poi mi viene partorito questo video.

Video dove un gay fa flessioni (guardando in due televisioni, contemporaneamente, un reality show e un telefilm), poi mette un dvd di Will & Grace, mentre decide di farsi una ceretta. E a quel punto, arriva la vocina doppiata di Karen Walker che peggiora ancora le cose con slogan come: "Perdi il pelo, ma non l'orgoglio" e "Tira più il pelo di un gay che il carro del Pride".

Ah, il ragazzo viene anche chiamato "Principessa" (a questo punto poteva pure dire "checca" o "sfranta" dato che c'era). Comunque il senso che vuole passare è questo: tu gay che passi i tuoi pomeriggi a guardare tv trash, ti depili e fai flessioni, il 3 luglio mettiti la maglietta e vai a manifestare i tuoi diritti (ne fosse stato ricordato uno...). Consigli per il plot del prossimo spot: inserite qualche glitter, del gloss che fa sempre chic, una canzone della Cuccarini, piume di struzzo e un tacco 12. Così chiudiamo proprio il cerchio.

Però io sono curioso anche della vostra opinione... Dopo il salto, il video del Roma Pride 2010 (sigh):

  • shares
  • Mail
58 commenti Aggiorna
Ordina: