Torna il 24° Festival Mix Milano. Cinema gaylesbico & Queer Culture

Si è fatto adulto il Festival Mix che ogni anno riesce a far uscire dal torpore meneghino centinaia di persone, uomini di cultura e cinefili che profittano di questa Rassegna per colmare il vuoto della cinematografia generalista poco avvezza e propensa a far conoscere pellicole di pregio a tematica lgbtq. Un'occasione rara quella di Milano che, lentamente sveglia nuove opportunità in altre città come Roma, dove si tentano altri significativi esempi di cultura cinematografica a target lgbtq. Raccontano che, ai tempi in cui Vittorio Sgarbi era assessore alla Cultura al Comune di Milano, felice della proposta degli organizzatori, diede il patrocinio, poi si fiondò in sala a visionare alcuni titoli, durante le proiezioni pubbliche, e ne uscì quasi deluso, convinto che l'amore omosessuale potesse essere rappresentato in acerbe scene di sesso e godimento, nulla di più. Certo una provocazione a cui Sgarbi ci ha allenati, ma riesce a dare l'esempio dell'ipocrisia di molte case di distribuzione italiana di cinema.

il Festival Mix Milano aprirà l'estate metropolitana mandando il love position alcuni film inediti intorno ai temi dell'identità lgbtq, confermandosi come evento forte e consolidato. Dialogheranno fra loro, in un mix di unicità festosa, cinema, cultura, musica, incontri e letteratura, consolidando la vocazione multidisciplinare del Festival e contribuendo a favorire un maggior coinvolgimento del pubblico. E' la pozione magica di questa 24a edizione di Mix Milano. Non è probabilmente un caso che ad aprire le danze vestali sarà una serie di appuntamenti che partiranno venerdì 18 giugno ai Magazzini Generali con "Pink is Punk" e si concluderanno il 29 giugno al Plasticdreammachine di Viale Umbria; tutto con le sonorità della "Nightweek".

Il cinema farà la sua parte con un cocktail d'inaugurazione al Teatro Strehler di Largo Greppi, 1, il 22 giugno, alle 18.00, e successivamente la proiezione di Plein Sud, film francese di Sebastien Lifshitz, appena passato alla Berlinale 2010. Da mercoledì 23 fino ala sua conclusione del 29 giugno, sarà un trionfo di proiezioni; scatole magiche che si apriranno sull'universo dell'amore e dei sentimenti omosessuali, aprendo finestre su mondi che spesso non conosciamo così profondamente, a volte perché complessi altre per una nostra distratta cecità.


Poche, malgrado eventuali buone intenzioni, le pellicole sull'amore tra donne, forse perché -insinuava una attenta persona alla presentazione della Rassegna, le donne continuano a far discutere molto ma non riescono a far agire altrettanto. Così come va premiato lo sforzo degli organizzatori, degli sponsor, della carovana multiculturale e mediatica, che riescono a svegliare una città assente e addormentata sui diritti lgbtq, dove le istituzioni cittadine, si continuano a nutrire di menefreghismo in un luogo che amministrano e cercano di dimenticare quanta ricchezza portano i cittadini omosessuali che vivono e lavorano a Milano.

Quest'anno ad accompagnare il Mix Milano, una nuova realtà che tra settembre e ottobre farà parlare molto gli amanti del cinema d'autore gaylesbico. Si chiama Atlantide Entertainment ed è un progetto trasversale che parte dalla produzione cinematograca per orientarsi verso un cinema concepito per un mercato internazionale, con progetti realizzati per il grande pubblico e una particolare attenzione alla qualità artistica. Entreranno nei circuiti italiani, grazie a loro, pellicole di genere lgbtq che altrimenti sarebbero rimasti sconosciuti al grande pubblico.

“La nostra ambizione - dicono - è quella di riuscire ad unire, sotto un progetto distributivo comune, le esigenze di un pubblico che si vuole il più vasto possibile, senza creare quindi l’ennesimo progetto d’élite, e senza escludere per questo chi fa della passione per il cinema una ricerca incessante votata al confronto e alla scoperta di sguardi nuovi, diversi. Un’utopia per alcuni, un’isola ritrovata per altri. Dicono che il cinema sia morto. Lo si dice da così tanto tempo che qualcuno ha finito per crederci. Per questo motivo puntiamo a sperimentare nuove strategie e nuovi canali di comunicazione, per riuscire a raggiungere lo spettatore anche al di fuori di quel luogo ideale e mistico che è la sala cinematografica. Uno spettatore che si vorrebbe morto, ma che noi sappiamo vivo. Che vediamo vivo, e ad occhi aperti.”

Non poteva mancare, ad un appuntamento così importante, il C.I.G. Arcigay di Milano che, come sempre è riuscita a mettere in campo tutte le energie e le risorse di cui è capace per l'ottima riuscita del Festival.

“Il Festival Mix è, nella sua unicità, - spiega il Presidente Marco Mori - un appuntamento che mette insieme meccanismi e ingranaggi indispensabili per la realizzazione di felicità e benessere, obiettivi cui, come associazione di volontariato, presente a Milano da 26 anni, noi puntiamo con determinazione. Il cinema, attraverso il suo ludico, è capace di mettere in gioco parti della propria identità, permettendo allo spettatore di conoscere e di riconoscersi attraverso ciò che vede sullo schermo e dismettere così i panni dello spettatore, per interpretare, su sua decisione, le vesti del protagonista.”



Tanti gli sponsor, dal CBS Outdoor he ha studiato e realizzato un piano di grande visibilità comunicando l'evento nei principali cinema di Milano e realizzando un enorme Spectacular luminoso in viale Romagna, flusso veicolare e centro di numerose attività commerciali; alla Citroen Italia, al partenariato con il prestigioso IED che torna con MusicOnTheSteps: ogni sera a partire dalle 18.00 nello spazio antistante il Teatro Strehler insieme a 20 tra i migliori dj e sound maker milanesi, suoneranno otto giovani studenti di Sound Design della Scuola IED Arti Visive Milano. Contributi e patrocini arrivano dall'Ambasciata del Canada, dal Quebec, dal Centro Culturale francese, dal Goethe-Institut Italien.

Programma, come vedete, fitto e da non perdere. Ci torneremo ancora a parlarne, mentre attendiamo, tra incontri con alcuni registi e quello con La Pina e altri, la imperdibile intervista che Tatti Sanguinetti farà a Bernardo Bertolucci, il 29 giugno, alle 21.00 a conclusione della fantasmagorica Rassegna Mix Milano.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 11 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO