Pakistan: fermato matrimonio gay, in manette sposi e invitati

Pakistan: fermato matrimonio gay, in manette sposi e invitati L'omosessualità in Pakistan è un reato perseguibile penalmente. I travestiti, chiamati "khusra" vivono ai margini della società, nascosti, lontani dalla luce del sole e della società. E uno di loro, pochi giorni fa, ha tentato di unirsi in matrimonio con un uomo d'affari locale. Le nozze, simboliche, erano arrivate ai festeggiamenti, quando la polizia ha fatto irruzione.

Tutto questo è avvenuto in una zona residenziale di Peshawar: i due "novelli sposi" sono stati arrestati e insieme a loro anche i 43 invitati alla celebrazione. Molti di loro erano travestiti, riunitisi per festeggiare la coronazione di una storia d'amore.

Purtroppo, la violenta e omofobica realtà della zona ha preso il sopravvento e ha trasformato in dolore un giorno di festa.

Via | Quotidiano

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: