Regina Satariano, dirigente dell'Associazione Trans, aggredita al funerale del suo ex compagno

Regina Satariano, dirigente dell'Associazione Trans, aggredita al funerale del suo ex compagnoRegina Satariano, dirigente dell'Associazione Trans, è stata vittima di uno spiacevole quanto disturbante atto di violenza nei suoi confronti. La trans era legata sentimentalmente ad un importante uomo d'affari con cui aveva avuto una relazione lunga circa 21 anni e morto poco tempo fa. Il tutto è avvenuto nel peggiore scenario possibile, ovvero nei giorni che precedono la sepoltura della persona deceduta. Recatasi a far visita al suo compagno di una vita, non è stata riconosciuta dalla sorella dell'uomo e poi, successivamente, trattata male sia verbalmente che fisicamente.

Già quando l'uomo era ricoverato in ospedale vi fu un incontro freddo tra le due. Quando purtroppo viene a mancare, Regina si reca all'obitorio e si permette di suggerire, con tatto, alla sorella del defunto, un abbigliamento diverso per la sepoltura. Ma il consiglio non viene accettato e lei le rinfaccia di non avere nemmeno idea di chi sia. Regina chiede ad un inserviente se è possibile mettere una foto e una lettera nel taschino, ma la sorella se ne accorge, definendo il tutto "uno schifo".

Il tentativo di rendere pacifico e civile il rapporto tra le due fallisce: al tentativo di un avvicinamento, come risposta, Regina ottiene un calcio negli stinchi. E, tornando per accertarsi che il ricordo lasciato all'uomo, sia stato inserito nella tasca della giacca del defunto, viene insultata dall'inserviente. Le urla contro, la insulta, la aggredisce, le chiude la mano dentro la porta nel tentativo di cacciarla. La sorella dell'imprenditore morto ammette di aver requisito lei la lettera perchè non voleva alcuna cianfrusaglia. Ricordi = cianfrusaglia. Solo al funerale dell'uomo, a cui la Satariano partecipa, viene riconosciuta dagli amici della persona che aveva sempre amato: di lei, lui parlava sempre con loro. Lei era la sua donna di Viareggio... Per sempre.

E ora scattano le denunce da parte della trans.

Foto | GoNews

  • shares
  • Mail