Moldavia: bloccato il Gay Pride previsto per questo fine settimana

Moldavia: bloccato il Gay Pride previsto per questo fine settimanaUn tribunale di Chişinău, capitale della Repubblica di Moldova, ha revocato l'autorizzazione al Gay Pride previsto per domenica prossima. La manifestazione, che si sarebbe dovuta svolgere nella piazza centrale della città e i cui intenti erano quelli di far adottare una legge contro le discriminazioni nel paese, è stata sospesa a seguito della richiesta del sindaco di Chişinău, per il quale un tale evento sarebbe contrario sia alla morale che all'ordine pubblico. Sebbene sia stato offerta un'altra piazza in cui sfilare, il collettivo gay GenderDoc-M non ha voluto accettarla e ha dichiarato che si appellerà contro la decisione. È dal 2005, infatti, che tutti gli eventi organizzati dai gruppi gay sono stati proibiti dalle autorità e a nulla è valso che nel 2007 la Corte Suprema della Moldavia abbia dichiarato illegali tali proibizioni.

Immediate le reazioni di ILGA Europa e Amnesty International, anche per una situazione simile in Ucraina. Evelyne Paradise di ILGA Europa ha affermato:

“Siamo preoccupati per le violazioni del diritto fondamentale a manifestare pacificamente sia in Moldavia che in Ucraina. Entrambi i paesi aspirano a costruire società plurali e democratiche e rafforzano i loro legami con l'Unione Europea. Per questo esortiamo le autorità di entrambi i paesi ad agire in accordo alle leggi e ai principi europei”.

Sperando che la situazione si risolva, mi sa che questa stessa esortazione dovrebbe essere fatta anche ad altri paesi europei (uno fra tutti, per esempio: l'Italia!)

  • shares
  • Mail