Stati Uniti: presto anche gay e lesbiche potranno donare il sangue


Spesso ci si dimentica che Barack Obama prima di essere afroamericano, per tanto rappresentativo di una parte della popolazione avente un colore della pelle simile, è un esponente politico arrivato al potere in un momento molto difficile per gli Stati Uniti.

Incuranti di tutti i problemi che la stragrande maggioranza delle persone hanno oggi in quella parte del mondo, su tutti un sistema sanitario efficiente solo per pochi, le associazioni GLBTQ hanno cominciato a pretendere l’abolizione, ad esempio, del “don’t ask, don’t tell”.

Fermo restando che quanto richiesto è legittimo, è evidente che non tutto si può fare subito. Ad un anno dall’insediamento 18 senatori democratici, capeggiati da John Kerry, hanno deciso di unirsi affinché i gay e le lesbiche possano donare il sangue.

Alle persone non eterosessuali, come spiega il sito gaynews24.com, era stato vietata la pratica a partire dal 1983, quando per intenderci l’Aids era una malattia imputabile solo a gay e lesbiche.

Nel frattempo si sono fatti molti passi in avanti e anche l’esercizio delle cattivi abitudini è stato omologato.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 12 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: