Il Brasile ritira il progetto di legge per la “cura dei gay”

A seguito di forti pressioni, il deputato federale João Campos de Araújo ha ritirato il ddl sulle “cure dei gay” che lui stesso aveva scritto.

Il Brasile ritira il progetto di legge per la “cura dei gay”

João Campos de Araújo (in foto), deputato federale brasiliano del Partido da Social democracia Brasileira, partito di opposizione al governo di Dilma Rousseff, ha deciso di ritirare il polemico progetto di legge conosciuto come “cura gay”, di cui egli era autore. A spingere João Campos (che è anche pastore di fede evangelica dell’Assemblea di Dio, nonché presidente della Frente Parlamentar Evangélica al Parlamento) a compiere questo passo è stata una richiesta esplicita del suo stesso partito.

Il progetto di legge prevedeva che gli psicologi potessero essere autorizzati a mettere in atto trattamenti terapeutici per curare l’omosessualità dei loro pazienti. Si è immediatamente scatenata un’ondata di polemiche intorno a questo progetto di legge, polemiche che si sono inserite nelle più ampie manifestazioni di contestazione che ci sono state nei giorni scorsi in Brasile.

Tutte queste polemiche se da un lato hanno portato il Partido da Social democracia Brasileira a chiedere il ritiro del disegno di legge, dall’altro non hanno affatto intimorito la Commissioni Diritti Umani della Camera che ha approvato il controverso progetto di legge. Del resto, tale Commissione è presieduta da Marco Feliciano, anche lui pastore evangelico, fortemente omofobo e razzista. Un controsenso in piena regola!

Foto | João Campos - Deputado Federal

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: