Se il sindaco indossa gli orecchini ed è diversamente uguale

A Libero non va bene che de Magistris abbia aderito alla campagna Diversamente uguali in previsione del Campania Pride indossando degli orecchini rossi.

Se il sindaco indossa gli orecchini ed è diversamente uguale

Libero, che è libero come aggettivo, quantomeno nel nome, mette online la foto del sindaco di Napoli, l'ex PM Luigi de Magistris, immortalato con un paio di orecchini rosso fuoco, in vista dei festeggiamenti cittadini per il Pride (la sfilata è prevista il prossimo 29 giugno). Libero, nel suo pezzo siglato L.S, considera, dal suo punto di vista, il look del primo cittadino partenopeo, una "lezione imparata", ovvero che bisogna strizzare l'occhio all'elettorato gay - in questo caso anche nella scelta degli accessori -  per essere votati, e dichiara nell'incipit:

Se non sei gay friendly non ti votano.

Quindi non è una politica attenta alle istanze quotidiane, all'uguaglianza dei diritti civili ad essere vincente, ma una qualche forma di ruffianeria. Di contro la disfatta del Pdl probabilmente sarà da addebitarsi a una lezione persa, o che non si è riusciti ad assimilare a dovere. Dello stesso tono Il Giornale, sempre in un pezzo siglato.

Il Sindaco de Magistris, qualche giorno fa, in occasione della conferenza stampa del Campania Pride, aveva lanciato un appello al nuovo Parlamento:

Perché si passi finalmente dalla proclamazione all'attuazione dei diritti con una legge contro l'omofobia, che riconosca il matrimonio e le adozioni (...) Dobbiamo liberarci da costrizioni oscurantiste, sembrano sempre tutti d'accordo e non si comprende, anzi si comprende benissimo, perché non vogliano fare queste leggi. Non vorrei che ci fossero entità extraparlamentari che condizionano l'attuazione della Costituzione.

La foto con orecchini scattata al Sindaco,  fa parte della campagna Diversamente uguali, realizzata dagli studenti dell’UDU- Unione degli Universitari, composta da dodici ritratti fotografici. L'immagine del primo cittadino è stata postata su Facebook, come riporta l'edizione napoletana di Repubblica già due giorni fa. Altre iniziative, ironiche e divertenti, sono state varate per il Pride, on e off line, come quella  lanciata a Napoli da Arcigay e Bellomunno, nota impresa funebre del luogo, che recita: finché morte non ci separi.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 55 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO