È morto Emilio Colombo che per molti è stato uno dei Premier gay del nostro Paese

A 93 anni è morto il senatore Emilio Colombo. Su di lui ci sono sempre state voci che fosse omosessuale.

È morto Emilio Colombo che per molti è stato uno dei Premier gay del nostro Paese

Emilio Colombo, senatore a vita, è morto. Aveva 93 anni ed era l’ultimo padre costituente ancora in vita. È stato ministro diverse volte, ha ricoperto l’incarico di Presidente del Parlamento Europeo dal 1977 al 1979 e dal 1970 al 1972 è stato Presidente del Consiglio dei ministri. Le voci di corridoio hanno sempre detto che Colombo fosse omosessuale, voci che si sono fatte più insistenti qualche anno fa quando Colombo, per scagionare la sua guardia del corpo, ammise di far uso di cocaina “per motivi terapeutici”.

La storia che in Italia ci sia stato già un Presidente del Consiglio omosessuale è tornata agli onori della cronaca tre anni fa quando Nichi Vendola, intervistato da Le Iene, disse che un Premier gay in Italia c’era stato. Pettegolezzo vecchio, ma che ha fatto riaccendere i fari proprio su Emilio Colombo. In quell’occasione Mario Adinolfi scrisse, poco elegantemete, sul suo profilo Facebook che Colombo ci aveva provato con lui…

Nel 2007 Eugenio Scalfari pubblicò un articolo su L’Espresso dal titolo Casini dica Dico. Affermava Scalfari:

Personalmente non amo affatto i luoghi comuni del tipo “predica bene ma razzola male”, ma nei casi suddetti [Casini e Colombo, ndr] quel giudizio viene spontaneo, insieme all'altro “da quale pulpito viene la predica” che solitamente vi si accompagna. Provo un certo imbarazzo a discutere di fatti privati che riguardano persone pubbliche, il capo d'un partito che è stato per cinque anni presidente della Camera dei deputati e un senatore a vita che fu più volte ministro e poi presidente del Consiglio. Uno di essi - Colombo - ha rivelato al pubblico la sua omosessualità ed anche, sia pur per breve periodo, la sua condizione di consumatore di cocaina.

Nel commentare le rivelazioni di Nichi Vendola, Mina scrisse su Vanity Fair:

Mi risulta che, nei decenni, abbiamo già avuto un premier gay. Ma erano tempi in cui si rifuggiva accuratamente da qualsiasi tipo di coming out. Adesso, invece, di «rivelazioni» se ne fanno fin troppe. Sogno un mondo in cui l’omosessualità non sia equiparata a immoralità, indecenza, oscenità, corruzione, vergognosa offesa alla morale comune o addirittura a pedofilia. Questa è una orrenda china che non ci porterà niente di buono.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: