Luana Zanaga: da poliziotta lesbica discriminata ad accusata di persecuzioni?

Luana Zanaga: da poliziotta lesbica discriminata ad accusata di persecuzioni? Luana Zanaga aveva dichiarato di essere gay durante un programma de La7: successivamente ha ammesso di rischiare una sospensione per aver lasciato dichiarazioni senza autorizzazione e per aver screditato (???) le forze dell'ordine. Il suo caso aveva fatto molto discutere ed era diventata l'esempio da seguire per chi aveva deciso, fieramente, di fare il coming out pubblico.

Ora, a distanza di mesi, la posizione di Luana sembra essere del tutto ribaltata. La donna infatti è accusata di violenza privata, molestie, minacce e ingiurie delle quali è chiamata a doversi giustificare dalla Questura di Padova.

Tutto è iniziato quando nei primi mesi del 2008 una 28enne di Rovigo si rivolge alla polizia, stanca, esausta, per denunciare l'atteggiamento di Luana, sua ex fidanzata, che si apposta regolarmente sotto casa sua, la segue, cerca di contattare lei ( con 2500 sms in 5 mesi) ed i suoi genitori. Le minacce e il senso di pericolo diventano sempre più palpabilo, fino a quando Luana sembra persino "giocare" con la pistola d''ordinanza, davanti alla donna:

Un segnale per farle capire che, forse forse, è meglio ascoltarla. Così, affiancata da un avvocato, la donna decide di sporgere denuncia. E la sua richiesta d'aiuto permette di far iniziare le indagini che conducono ad un'altra persona. Luana ha infatti conosciuto da qualche tempo un'altra ragazza, con la quale si comporta esattamente allo stesso modo: appostamenti, telefonate e anche messaggi di testo a ripetizione ( fino a 2600).

La ragazza, disperata, tenta il suicidio e le amiche, preoccupate, cercano quindi di intervenire per aiutarla. Ma proprio loro che pure hanno tentato più volte di far ragionare la poliziotta vengono minacciate dall'agente. Risultato finale? Le persone offese da sms, ingiurie e inviti ad allontanarsi con la pistola d'ordinanza, sono diventate 7, tra le due sentimentalmente coinvolte e le amiche, impegnate ad essere solidali nell'uscire da questo incubo.

Stamattina è iniziata la prima udienza di un processo a carico della poliziotta 39enne che si preannuncia molto delicato e teso.

Foto | La7

  • shares
  • Mail
15 commenti Aggiorna
Ordina: