Orry-Kelly e il triumvirato gay a Hollywood

Uno dei tre grandi costumisti della Hollywood degli anni d'oro, Orry-Kelly visse sempre apertamente la propria omosessualità.

Orry-Kelly

Lontanissimo dallo stereotipo del costumista, Orry-Kelly (1897-1964) giunse a Hollywood dall’Australia, intenzionato a diventare un attore celebre. A far brillare la sua stella nel firmamento della mecca del cinema.

Il destino tuttavia scelse altrimenti (o quasi) ed oggi l’australiano con la malsana ma viscerale passione per l’whisky viene ricordato come uno dei tre grandi costumisti della Hollywood degli anni d’oro. Un triumvirato esclusivamente gay che includeva Adrian e Travis Banton.

Se i primi due avevano però deciso di vivere discretamente la propria omosessualità, celandosi almeno in parte dietro il paravento di un matrimonio più o meno felice (quello che a Hollywood veniva chiamato ironicamente Lavender marriage), Orry-Kelly non aveva certo di simili preoccupazioni. I suoi amori erano da vivere tutti sotto la luce piena ed inebriante del sole.

Amico di Cary Grant con cui aveva diviso l’appartamento nei primi anni delle loro carriere e di Bette Davis che lo chiamava amorevolmente la “mia mano destra”, Orry Kelly vinse ben tre oscar (Un americano a Parigi, Les Girls e A qualcuno piace caldo), conquistandosi così un posto d’onore nella storia della Hollywood più favolosa.

Nell'immagine di apertura Orry-Kelly è in piedi accanto alla modella. Seguono Banton ed Adrian.

  • shares
  • Mail