"O famo strano? " : gay version

Sesso strano Caldo, afa, umodità, zanzare. Non so voi, ma il sottoscritto quando fa così caldo diventa "intoccabile": il pensiero di fare sesso o di due corpi sudati (e accaldati) insieme lo intimoriscono invece di eccitarlo. Poi mai dire mai, non è che chiudo il lucchetto e lo butto nel Ponte Milvio, ma preferisco di gran lunga altri periodi un po' più freschi. Non tutti la pensano così e l'eccitazione sa arrivare alle stelle anche in questi giorni di pieno sole cocente.

Per cui mi chiedevo se nella vostra vita, vi è mai capito di essere talmente coinvolti e presi da una situazione, da superare il limite (del caldo, del luogo, del tempo) e di ritrovarvi a fornicare come conigli in luoghi che mai avreste pensato di "battezzare" fino ad allora. Insomma, tralasciamo letto, pavimento, auto e facciamo uno scanner sul nostro passato: qual è il luogo più strano in cui avete fatto sesso/l'amore?

Io in un piccolo bosco, laterale ad un fiume, in montagna, dove ero andato con il mio ex ragazzo di allora: tornando dalla macchina, siamo scesi in questo piccolo bosco abbastanza lontano dalla strada dove la gente passeggiava. Non è successo tutto, ma solo, diciamo, un "assaggio" e poi il timore di essere scoperti o che qualcuno potessi vederci ha avuto la meglio. Con un altro mio ex (parlo di storie lunghe, qualche anno, non sono una mantide religiosa...) invece mi divertiva stuzzicarlo mentre era al volante, con la strada praticamente deserta. Anche lì solo un inizio, niente di che, ma abbastanza eccitante per entrambi. Voi invece, amati/e lettori/lettrici? Sputate il rospo, su, non siate timidi...

Foto | Obiwolf

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: