Militare gay dichiarato sulla copertina di "Soldier"

James Wharton in Soldier La rivista d'armi britannica, la "Soldier", ha messo per la prima volta nella sua copertina un militare omosessuale, per onorare i dieci anni di servizio militare da parte di gay e lesbiche dichiarati. James Wharton è immortalato nella sua uniforme, che comprende anche una medaglia in Iraq. Accanto a lui risalta la parola "Pride", slogan e titolo che accompagna la foto. Il giornale afferma che è il modo per celebrare la diversità nell'arma britannica.

Un passo in avanti nella politica militare se si pensa che fino a dieci anni fa l'omosessualità nelle armi, oltre ad essere impensabile, era pure illegale. Tutto è cambiato nel 2000 alla Corte Europea dei Diritti Umani, dopo una battaglia legale di tre uomini gay e una lesbica, congedati dalla Royal Navy, e durata ben due anni. Nel 1999, ben 298 soldati sono stati allontanati dall'esercito a causa del loro orientamento sessuale.

E Wharton lo sottolinea, ammettendo che la situazione rispetto ad allora è migliorata ben mille volte di più:

"Ovviamente ci sono persone che continuano a pensarla a modo loro, senza voler minimamente cambiare idea, ma l'atteggiamento è totalmente diverso. L'idea del 'finocchio' che serve la patria in un conflitto bellico è un errore di visione. Chi si trova in Iraq, in un posto caldo come quello, non può essere veramente indicato come 'finocchio'. E anche in America dove ancora vige la legge del "Don't Ask Don't tell" sono certo che ci siano molti soldati gay, uomini e donne."

Infine, chiude l'intervista in maniera, diciamo, "originale", sentendosi libero di esprimere se stesso e chi è, dicendo:

"Non posso fare tardi, scusate, ma sto uscendo per andare a vedere Britney Spears stasera"

Fonte | PinkNews

  • shares
  • Mail