Allarme aids tra gay in Africa. Ma anche in Italia qualcuno fa finta di niente


Si sa, con l'avvento della bella stagione e le uscite più frequenti, si ha modo di incontrare più persone e se scatta una delle tante scintille dei desideri, si fa più sesso con sconosciuti. Tanti, troppi gay nostrani si sono dimenticati che dietro ogni incontro, ogni libido sessuale c'è il feroce pericolo di essere contagiati da molte malattie veneree e dall'aids. Ci vuole davvero poco a proteggersi e rendere la vita bella e gli incontri soddisfacenti; lasciamo stare il livello del piacere che non è certo sminuito dalla sana protezione nell'usare i preservativi.

Il dramma di chi viene colpito dall'aids riguarda moltissimo l'Africa, per la povertà e miseria in cui versano moltissime popolazioni, ma anche per un certo menefreghismo politico e delle case farmaceutiche che non ci trovano profitti e quindi non investono in cure adeguate. Lancet, ultimamente polemizzò molto in occasione della visita del Papa in Africa, quando il vescovo di Roma si mise di traverso sull'uso dei preservativi: "Ha distorto la scienza" scrisse la prestigiosa rivista medica britannica.

Secondo la rivista medica Lancet, è allarme per gli omosessuali africani maschi, colpiti dal terribile morbo. Secondo Lancet, la situazione già critica potrebbe portare a nuove discriminazioni proprio a causa dell'aids.

Del resto si sa, in molti stati d'Africa i governi sono parecchio omofobi e le tante discriminazioni verso gay e lesbiche fanno sì che questi ultimi non ricorrano alle cure mediche necessarie per paura di essere denunciati e perseguitati. Certo, il problema, come afferma Lancet, non riguarda solo gli omosessuali, ma questi vivono il problema con maggiore paura e pericolo.

Secondo un attivista gay del Burundi, molti omosessuali pensano che l'aids si prende avendo rapporti con le donne e ignorano che avvenga anche con rapporti omosessuali. L'Africa oggi vive molti drammi; il ricco occidente che ne ha sfruttato molte risorse oggi sta a guardare un continente che agonizza. Dovremmo impegnarci tutti un po' di più, su molti fronti e impegnare noi stessi e gli altri, a usare tutte le precauzioni per non amare una persona e per questo vedersi sfiorire la vita.

Foto/Dredrk, aka Mr.Sky

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: