Reverendo scozzese favorevole alle unioni gay (anche in Chiesa!)

Kelvin Holdsworth

Kelvin Holdsworth è un revendo scozzese della Chiesa di St. Mary a Glasgow e parlando con un giornale locale, lo Scotsman, ha affrontato il tema delle relazioni omosessuali in chiave sicuramente personale. Ha affermato infatti che le unioni civili ( i partnership) non sono uguali ai matrimoni ma ha anche aggiunto che, a suo parere, le coppie omosessuali dovrebbero essere libere di percorrere la navata della Chiesa per essere uniti in matrimonio. Queste sono state le sue parole precise:

"Le unioni civili contengono molti degli stessi diritti e privilegi del matrimonio ma non sono la stessa cosa. Non è possibile ad esempio celebrarle in Chiesa e se lo facessi andrei contro la legge. Ma voglio che ogni coppia omosessuale possa camminare per strada tenendosi la mano se è quello che desidera fare. Vorrei sensibilizzare il Parlamento, basterebbe un piccolo ma importante cambiamento"

La sua idea è cambiata dopo che una coppia di gay gli ha chiesto di unirli in nozze e sulle parole feroci del collega, l'Arcivescovo di Rochester, ha così commentato:

"Speravo che non stesse facendo i commenti che ha fatto, e l'unica cosa che posso fare è augurargli la benedizione della pace"

Non c'è che dire, finalmente un rappresentante di Dio sulla terra è riuscito a fare un passo avanti di avvicinamento verso una realtà sempre più concreta, quella delle unioni tra gay. Quando in Italia avremo l'onore di sentire un'opinione controcorrente del genere da parte di un'esponente cattolico?

Foto | What's in Kelvin's head

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: