Harry Potter pazzo per le drag queen. "Sto meglio con gli occhi truccati".


Per i suoi due ultimi Harry Potter, Daniel Radcliffe, s'è messo in tasca qualcosa come 30 milioni di euro ed è cresciuto insieme alla saga di Rowling, proprio come tanti di noi, ma da interprete. Bello è bello, bravo anche, visto che tra una interpretazione e l'altra del bel personaggio-mago, ha interpretato in teatro, riscuotendo altro successo, Equus, firmato da Peter Shaffer, dove Daniel mostra il meglio del suo fisico senza scalfire il meglio del suo talento.

Ce lo si gode e si rimane affascinati in una bella intervista che Radcliffe ha rilasciato al settimanale Vanity Fair, uscita oggi. Nonostante le tante dicerie e i gossip sulla sua sessualità o presunta omosessualità, è lui stesso a smentire sul patinato settimanale: "Non è gay". Amen! Però, però, anche Daniel ha i suoi bei vizietti e le sue "piccanti" frequentazioni. Ad esempio preferisce i pub alle discoteche e ama bere Tequila, altro che birra.

Lui poi, lo scorso anno, in occasione delle elezioni amministrative di Londra ha sostenuto e votato Brian Paddick, gay dichiarato ed ex policeman. Ma quel che più piace è che Daniel pare interessato al travestitismo.

Così, dalle pagine di Vanity Fair, l'attore consiglia ai colleghi che non amano farsi riconoscere di uscire con un transessuale alto e possente e confessa che amerebbe interpretare una drag queen: "Sto meglio con gli occhi truccati". Ora, ditemi voi se uno come Daniel, a sentire queste cose non risulta adorabile.

Sì, perché non vuol copiare quella moda storpiata che va tanto a Londra e altrove, tipo gli emo, bravi e imberbi ragazzotti con tanto di eyeliner e poca sessualità, quasi nulla. David vuol fare il travestito e magari regalarci qualche nuova, fantastica magia. Grande Daniel!

Foto/cookies & mylk

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: