Vite gay all'Outfest Festival


Zac e Jonathan sono due ragazzi che hanno realizzato un sito web gay e chiedono ad altri ragazzi, offrendo loro ospitalità, di vivere momenti pubblici della loro vita. Un sipario molto particolare che potrebbe emulare un particolare "Big Brother". Solo che a presentarsi sono "strani" tipi che in un qual modo svelano lentamente vite grondanti di alcol, di sesso, di smarrimento. Giovani omosessuali abbandonati dalla famiglia per il loro orientamento sessuale. Vite fragili che come in uno specchio, in qualche maniera riflettono molte altre vite non narrate ma con lo stesso destino.

Stiamo parlando di College Boy Live, una delle tante pellicole che accompagneranno l'Out Festival di Los Angeles che si concluderà il 19 luglio. L'Outfest è il più antico festival del cinema glbt, quest'anno presente con 182 tra film e video provenienti da 25 paesi e programmati in sette differenti location.

Alla manifestazione cinematografica sono molte le pellicole di pregio dove si affrontano temi cari, carissimi, alla comunità glbt. Un altro film: "American Primitive", racconta ad esempio il tormento di un genitore che si svela gay e che dovrà affrontare la questione prole dinanzi al fallimento del proprio matrimonio e alla nuova scoperta sessuale.

Ma ci sono altre pellicole che affrontano il tema gay al femminile, come Drool, film emulatore della celeberrima pellicola Thelma & Louise; o il più intrigante Ghosted , storia di un amore perduto tra donne in terra di Taiwan. Insomma, pare che anche in questa edizione l'Outfest Festival non si sia fatto mancare pellicole ad alto tasso d'interesse culturale.

Ci piacerebbe conoscere i vostri gusti in tema cinematografico e se avete qualche pellicola a marchio glbt che vi è rimasta impressa.

  • shares
  • Mail