Essere un po' gay negli anni Ottanta

Per le nostre canzoni trash degli anni Ottanta ecco Un po' gay di Melissa:

“certo che a un uomo un po' gay
non posso dare che un sei
ecco un'esperienza che non rifarei”

Un cameo dallo squisito anni ottanta, leggero e privo di problemi come la società di quegli anni. Da notare la risatina ammiccante alla fine della canzone. Dopo il salto il testo della canzone.

Melissa, Un po' gay

(coro)
Gay! Gay! Gay! Gay!
Gay! Gay! Gay! Gay!

(Melissa)
Forse l'uomo per me
è il contrario di te
hai la faccia più ambigua che c'è
e una sensualità... da manuale

E l'immagino già
nel mio letto-bazar
mentre prova l'effetto del fard
con due stelline blu.

E poi sparlare come amiche al sole
sdrai e monokini e un calcio ai tuoi problemi
chissà se un uomo un po' gay
nella mia vita vorrei
ecco un'esperienza che non guasta mai.

(coro)
Gay! Gay! Gay! Gay!
Gay! Gay! Gay! Gay!

(Melissa)
Agirò con maestria
sarò complice spia
è un capriccio che mi toglierò
che tu lo creda o no.

E far l'amore senza esagerare
senza cattiveria, è più una cosa seria
certo che a un uomo un po' gay
non posso dare che un sei
ecco un'esperienza che non rifarei

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO