Russia: Parlamento boccia legge anti-gay

Non sono tempi facili per la comunità lgbt russa, che si è vista negare per l'ennesima volta il permesso di manifestare al Gay Pride, nonostante sia programmato a Mosca il festival Eurovision, che è un'attrazione fatale per moltissimi gay d'Europa.

Per adesso, però, almeno la Russia non avrà una legge anti-gay. La Duma, il Parlamento federale, ha bocciato infatti una proposta che avrebbe escluso dall'insegnamento e dai lavori educativi, oltre che dalle forze armate, "chiunque dimostri uno stile di vita e un orientamento omosessuale". In pratica maestri, professori e militari gay sarebbero stati licenziati su due piedi.

La legge aveva bisogno di 226 voti per essere approvata, ma ne ha ricevuti solo 90. Non c'è tanto da festeggiare per i gay e le lesbiche russi, perché i loro diritti restano fortemente limitati, ma almeno un pericolo gravissimo è scampato, per un po'.

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: