Hugh Jackman fa impazzire i gay al cinema con Wolverine


Lo stavamo aspettando. Noi di Queer ve ne avevamo dato notizia a luglio, i cugini di Cineblog pure, e alla fine la data è arrivata. E' uscito ieri al cinema Wolverine, le origini. Protagonista uno degli uomini più sexy del momento, che fa letteralmente salire la febbre a tutti i miei amici gay (e soprattutto i gay australiani che lo hanno eletto loro "re"). Parliamo di Hugh Jackman, un concentrato di testosterone, muscoli, sensualità e forza che sta impazzando sulle copertine di tutti i magazine (e ti credo).

Il film è lo spin-off della celeberrima saga degli X-Men (eroi dei fumetti Marvel), i film sui mutanti che ha come tema portante la lotta alle discriminazioni e ai pregiudizi. In questo "episodio" ripercorriamo il passato di Logan/Wolverine e scopriamo come, quando e perché ha subito gli interventi che hanno reso la sua struttura ossea di adamantio e il motivo per cui ha perso la memoria. Il film ha un sapore molto virile e la quasi totale assenza di personaggi femminili compiacerà non poco il pubblico gay maschile (a me manca tanto Tempesta!).

Talmente amato dai gay che i giornalisti non fanno che chiedergli se lui non lo sia davvero. Durante una recente intervista ha dato una risposta non male:

Potrei anche tranquillamente negare, perchè non lo sono. Ma negare pubblicamente sarebbe come dire che c’è qualcosa di sbagliato, di vergognoso, nell’esserlo. E non è così. La sessualità è una questione che in America è molto più importante che altrove. Perchè qui definisce che tipo di persona sei, e cosa pensi di te stesso e degli altri. Altrove non è così, in Australia non è così.

Impossibile non amarlo. Noi di Queer eravamo all'anteprima stampa ma ora potete godervi lo spettacolo anche voi. Intanto, dopo il salto, cominciate a gustarvi il trailer che urla "maschio, maschio, maschio!". Consiglio mio? Al cinema portatevi un ventaglio.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: