Al Tg La7 Piroso ricorda i gay perseguitati dal Che

Abbiamo già parlato su queste pagine della polemica su Ernesto "Che" Guevara, il film dedicato alla sua vita e interpretato da Benicio del Toro e il trattamento riservato dal regime castrista ai gay in quel di Cuba.

Ieri sera, però, la questione è stata sollevata un'altra volta, sommessamente, durante il Tg delle 20 sulla rete tv La7. Subito dopo il servizio che lancia la seconda parte della biografia firmata da Soderbergh, "Che- Guerriglia, al rientro in studio il direttore del Tg, Antonello Piroso, ha aggiunto che nonostante le celebrazioni va ricordato, comunque, che il Che fu uno degli artefici della persecuzione degli omosessuali a Cuba.

Onestamente ho trovato il suo appunto un segno di attenzione verso la comunità lgbt, di cui in genere non si occupa nessuno e che, invece, su La7 di solito viene rappresentata in modo corretto ed equo. Non mi interessa quindi polemizzare di nuovo sul Che, che per certi versi fu un paladino dei deboli, ma a sua volta vestì i panni dell'aguzzino contro i maricones; preferisco ringraziare Piroso e La7 per il fatto che si ricordano dei gay anche quando tutti gli altri se ne dimenticano.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 102 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail
22 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO