Emirati Arabi: una campagna contro le donne lesbiche

Non bastano il petrolio, i soldi e il lusso per garantire i diritti umani. Lo sanno bene le persone lgbt che vivono negli Emirati Arabi Uniti, la federazione che riunisce sette sceiccati, fra cui le notissime Abu Dhabi e Dubai. L'ultima novità in tema di omofobia riguarda le donne lesbiche, che di solito sono così poco considerate da risultare ufficialmente inesistenti.

Negli Emirati, però, hanno deciso di non praticare la stessa rimozione di Mussolini in Italia - quando vietò di introdurre una legge anti-gay - e hanno cominciato a prendere di mira anche le donne lesbiche. Secondo la tv al Arabiya, il governo ha lanciato una campagna ufficiale, con tanto di manifesti e spot per disincentivare l'omosessualità femminile, considerata un fenomeno pericoloso che minaccia la società.

"Scusa, ma sono una ragazza", è il titolo della campagna, seguito dallo slogan "Insieme per una società priva di deviati". Sarà anche priva di deviati, ma di certo idioti e omofobi non mancano.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  
  • shares
  • +1
  • Mail
14 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO