Moglie di una militare USA sarà sepolta in un cimitero dell’esercito

Moglie di una militare USA sarà sepolta in un cimitero dell’esercito

La moglie di una tenente colonnello in pensione diventerà la prima coniuge di una coppia dello stesso sesso a essere sepolta in un cimitero militare degli Stati Uniti d’America. Sebbene non sia un cambiamento ufficiale nella politica dell’esercito, senza dubbio costituisce un precedente da tenere in conto. Non è un caso, infatti, che gli oppositori dei diritti delle persone lgbt, come la American Family Association, hanno tra i loro obiettivi quello di vietare che le coppie militari dello stesso sesso possano essere tumulate nei cimiteri dell’esercito.

Il non riconoscimento dei matrimoni ugualitari da parte dell’amministrazione federale ha implicazioni anche in quel momento drammatico della vita di una coppia che è la morte. Linda Campbell, tenente colonnello in pensione, ha chiesto al Dipartimento dei Veterani delle forze armate il permesso di seppellire nel cimitero militare di Willamette, in Oregon, sua moglie Nancy Lynchild, recentemente defunta.

Nel 2008 l’ente che amministra i cimiteri militari emanò un ordine, in applicazione del Defense of Marriage Act (la legge che vieta all’amministrazione federale di riconoscere i matrimoni tra persone dello stesso sesso), per impedire che i coniugi dello stesso sesso dei membri delle forze armate USA potessero essere seppelliti con i loro partner. Tuttavia Eric Shinseki, segretario dell’ente dei veterani che ha la facoltà di decidere su ogni singolo caso, ha accettato la richiesta di Campbell, sottolineando che questo non implica un cambio nella politica generale del suo dipartimento e che ogni caso sarà valutato attentamente.

La decisione dei vertici non è piaciuta all’American Family Association che ha annunciato battaglia per impedire che le famiglie dello stesso sesso possano trovare riposo insieme.

Mi chiedo quanto debba essere triste la vita delle persone omofobe che nemmeno dinanzi alla morte provano un briciolo di umanità.

Via | Dos Manzanas
Foto | Getty

  • shares
  • Mail