It Gets Better rinuncia al volto di Pistorius per la sua campagna

It Gets Better rinuncia al volto di Pistorius per la sua campagnaFamosissima in tutto il mondo, la campagna It Gets Better è un vero caposaldo contro l'omofobia, in una chiave leggera, colloquiale, efficace, ha confortato ed esortato migliaia di giovani gay e lesbiche vittime di episodi di bullismo, ripetendo "andrà meglio". Perché quelle discriminazioni possono segnare, in maniera anche tragica, la vita di un adolescente che vive un periodo delicato, e si scopre attratto da ragazzi del suo stesso sesso.

"Andrà meglio" dicevamo e, fra i volti che si sono offerti come testimonial, oltre al presidente Barack Obama, molti rappresentanti dello star business, attori, artisti, sportivi e anche lui, Oscar Pistorius, che in questo momento, a Pretoria in Sudafrica, si trova davanti a una corte per rispondere dell'omicidio della fidanzata Reeva Steenkamp. Un omicidio di genere. Una storia a tinte fosche. Anche lui ci aveva messo la faccia ripetendo:

Ricorda di essere speciale. Non preoccuparti, non devi cambiare. Andrà meglio.

Ed era un volto azzeccato, con la sua storia umana, costellate di rivincite e superamenti di pregiudizi, ma dopo la vicenda violenta che lo ha visto protagonista, gli organizzatori della campagna di Dan Savage, hanno deciso di ritirare il messaggio dell’atleta.

L'iniziativa sarebbe partita oggi, 20 febbraio, anche in Sudafrica. Andrew Barry, studente presso l'Università di Città del Capo, ha coordinato la versione per il suo paese della campagna popolare lanciata negli Stati Uniti dall'autore e attivista Dan Savage.

Foto | Getty

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: