L’Assemblea Nazionale francese ha approvato il disegno di legge sul matrimonio gay

Wedding cake toppers gay, sposini sulla torta nuziale gay

Dopo dieci giorni di intensa battaglia parlamentare guidata da un pugno di deputati UMP, l'Assemblea Nazionale Francese ha approvato il disegno di legge sul matrimonio gay. Il testo è stato approvato con trecentoventinove voti a favore e duecentoventinove contrari. Dieci deputati si sono astenuti. Il testo passerà al Senato dal 2 aprile.

Pochi giorni dopo l'approvazione avvenuta nel Regno Unito anche la Francia si muove nella linea della difesa dei diritti umani. Il matrimonio per tutti è considerata la riforma socialepiù importante dopo l'abolizione nel 1981 della pena di morte.

Plaude l'Arcigay che in un comunicato fa il paragone con la triste situazione italiana:

Non solo la Francia sta rapidamente raggiungendo Spagna, Olanda e gli altri paesi che consentono a gay e lesbiche l’accesso al matrimonio civile, ma il voto dell’Assemblea nazionale francese dimostra che provvedimenti come il Pacs, come eventuali modelli tedeschi, seppur utili nel garantire diritti alle coppie di fatto, non garantiscono la piena parità tra cittadini, obbiettivo che ogni sana democrazia deve prefiggersi. Con il voto francese di oggi coloro che andranno in Parlamento in Italia sanno che non potranno stare a guardare: il tempo è ampiamente scaduto, una legge sul matrimonio non è ulteriormente procrastinabile. E se non arriverà promettiamo, fin da ora, iniziative eclatanti: vogliamo poterci sposare nel nostro paese al più presto.

  • shares
  • Mail