Stuprato e seviziato dai giostrai: una riflessione

Stupro a un uomoNel film Mambo italiano la lotta tra i genitori dei ragazzi gay sta tutta nella frase espressa da una madre: “Mio figlio ficca!”. Certo, perché se uno è gay e “ficca” va pure bene, ma se è passivo è proprio perso! Così la pensa la gente comune (e, spesso, anche molti gay...) Mi è tornato in mente questo film nel leggere la notizia di quattro giostrai che hanno violentato e torturato un trentaduenne per quindici giorni. Il giovane ha problemi psichici e di alcolismo. I dettagli della notizia li trovate su Crimeblog. I torturatori sono accusati, tra le altre cose, di violenza sessuale individuale e di gruppo. Quattro giostrai che, chissà, forse pensano che la vita sia tutta una giostra e che, per divertimento, violentare un uomo sia una cosa da maschi. Se poi la vittima ha pure problemi “di mente”, be', meglio: così vediamo che fa!

E poi siamo noi gay ad essere malati...

  • shares
  • Mail
17 commenti Aggiorna
Ordina: