Svezia: i gay potranno scegliere tra matrimonio civile e religioso

Il primo ministro svedese Fredrik ReinfeldtDella possibilità per i gay di sposarsi in Svezia a partire dal 1 maggio prossimo Queerblog ne aveva già parlato. E oggi è stato presentato in Parlamento il progetto di legge che prevede la possibilità di convolare a nozze per le coppie omosessuali scegliendo tra rito religioso o funzione civile (ovviamente stiamo parlando della chiesa luterana, mica di quella cattolica!). A oggi in Svezia – come in buona parte del mondo, comunque – gli eterosessuali possono scegliere se sposarsi in chiesa o “al comune” mentre gli omosessuali possono registrare la propria unione solo civilmente. Il primo ministro Fredrik Reinfeldt (in foto) ha detto in un comunicato:

“La proposta principale contenuta nella mozione è che il sesso di una persona non inciderà più sulla possibilità di sposarsi. Secondo il progetto, la legge sul matrimonio e altre leggi che riguardano i consorti verranno rese neutrali nella considerazione del sesso degli interessati”.

La proposta ha raccolto ampi consensi in parlamento. Stoccolma-Roma non distano più 2500 chilometri, ma anni luce...

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: