Povia: le dichiarazioni shock di "Luca"

Povia

Chiediamo scusa per l'errore madornale sulla fonte delle dichiarazioni. E' Di Tolve e non Povia a fare queste dichiarazioni. Scusateci.

Su certe cose non riesco a commentare. Ecco cosa dice Luca Di Tolve in merito all'ormai annosa (noiosa?) questione di "Luca era gay", brano che vedremo presto al prossimo Sanremo 2009 (o non vedremo, come molti ragazzi omosessuali hanno scelto di fare per dare occhi e orecchie ad un operazione dall'aria tutta commerciale).

Ecco alcuni estratti relativi ad un'intervista shock per Tempi, in uscita domani, come leggiamo da Affari Italiani:

"I miei genitori si separarono quando ero piccolo e mio padre se ne andò di casa. Rimasi solo in un ambiente tutto femminile, giocavo con le bambole. Sbaglia chi crede che gay si nasce. T'innamori di un maschio perché è quello che vorresti essere"

E ancora:

"Gli omosessuali vivono un frenetico nomadismo sentimentale, comprensibile: come chiunque altro, cerca altro da sé. Se nell'altro trova solo qualcosa di simile, il rapporto non può che essere effimero e compulsivo. Non può esistere stabilità e fedeltà nel mondo gay"

Due dichiarazioni che colpiscono peggio delle bombe. Non ci sono parole. Aiutatemi.

  • shares
  • Mail
20 commenti Aggiorna
Ordina: