Sì alle differenze. No all’omofobia

Lo spot del Dipartimento per le Pari Opportunità contro l'omofobia 2013.

Lo spot contro l’omofobia del Dipartimento per le Pari Opportunità – Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali è stato realizzato all’inizio di quest’anno e fa parte della “nuova campagna di informazione e sensibilizzazione contro ogni forma di atto discriminatorio nei confronti degli omosessuali”. Secondo Patrizia De Rose, Capo del Dipartimento per le Pari Opportunità:

La Campagna, senza retorica, mette in scena normali caratteri connotativi, primi piani di persone autodefinite da un tratto specifico - mancina, rosso di capelli, alto, omosessuale, intonata - unite da un’affermazione sostanziale: “E non c’è niente da dire”.

E prosegue:

La paura del diverso spesso diventa un automatismo che produce atteggiamenti difensivi che sfociano nella discriminazione. L’omofobia è una paura irrazionale e generica verso le persone omosessuali, che troppo spesso si traduce in atteggiamenti persecutori e violenti. Promuovere la cultura del rispetto vuol dire creare consapevolezza: discriminare l’omosessualità è come discriminare un naturale modo di essere, le persone rosse di capelli, i mancini o gli intonati. Le differenze sono parte dell’essere: normali, naturali e tutte rispettabili e apprezzabili. La battaglia è contro i luoghi comuni e gli atteggiamenti di esclusione che minano i cardini della società civile. L’omofobia è un male diffuso e corrosivo, un nodo sociale che deve essere sciolto e risolto con consapevolezza.

Lo spot non mi piace molto, perché è un po’ un’accozzaglia di idee: capisco l’idea di mettere insieme elementi eterogenei per sottolineare che “non c’è niente da dire”, però non dimentichiamo che chi è omosessuale viene visto negativamente dalla società, chi è, per esempio, intonato, no…

Se poi chi gestisce il sito del Dipartimento per le Pari Opportunità inserisse anche un bel codice per embeddare il video, magari la campagna potrebbe girare anche di più…

A seguire il video della precedente campagna contro l'omofobia, promossa da Mara Carfagna, che aveva il claim: Rifiuta l'omofobia, non essere tu quello diverso.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: