La vita infelice di Simeon Solomon

Simeon Solomon

Nato in una ricca famiglia ebraica dove accanto al denaro fluiva un talento naturale e non comune per la pittura, Simeon Solomon (1840-1905) studiò pittura prima presso il fratello più grande, poi all'Accademia reale di Londra dove entrò in contatto con Dante Gabriel Rossetti, eminente pittore pre-raffaellita, ed il poeta Swinburne.

Desideroso di studiare da vicino i grandi maestri dell'arte italiana, Solomon partì alla volta dell' Italia con l'amante, Oscar Browning, futuro preside di Eton e Cambridge. Ma fu proprio qui in Italia che qualcosa di mai chiarito accadde, costringendo i due a terminare prima del previsto la loro vacanza italiana.

A Londra le cose non migliorarono però, il giovane pittore venne infatti sorpreso in un bagno pubblico, arrestato e condannato per "tentata sodomia" a 18 mesi di lavori forzati che tuttavia gli vennero condonati. Sempre più depresso, solo ed alcolizzato, il pittore cercò allora rifugio in Francia, ma anche qui la fortuna non gli arrise; arrestato di nuovo, Simeon Solom finì la sua vita in una casa per i poveri.

  • shares
  • Mail