Per il Vaticano le convivenze offuscano il valore della famiglia

Logo del VI Incontro Mondiale delle FamiglieIl proverbio gutta cavat lapidem pare il motto del Vaticano: da quelle parti, infatti, non perdono occasione per ribadire sempre le stesse cose. E quale occasione più ghiotta del VI Incontro Mondiale della Famiglie che si terrà a Città del Messico dal 14 al 18 gennaio prossimi? Il tema dell'incontro è La famiglia, formatrice ai valori umani e cristiani. Nel briefing di presentazione tenutosi ieri in Vaticano si è parlato di famiglia – ovviamente! – con qualche stoccatina a quelle che, secondo quegli uomini di lungo vestiti, famiglie non sono.

La famiglia oggi deve affrontare, con creatività e con spirito propositivo, la sfida di una cultura individualista e mercantilista, basata sulla produzione e sul consumismo. Abbiamo purtroppo un concetto errato di libertà, intesa, questa, come autonomia chiusa in se stessa; si privilegiano altre forme di convivenza che offuscano il valore della famiglia, basata sul matrimonio di un uomo e di una donna. Porsi al servizio della trasmissione della vita e dell’educazione dei figli diventa oggi molto difficile. Con questa mentalità errata, molte volte si diffondono — senza un ampio consenso sociale e sotto l’impulso di piccoli ma attivi gruppi di pressione fortemente ideologizzati e dalle grandi risorse economiche – delle leggi che permettono, con molta facilità, l’aborto come pure il divorzio rapido e l’eutanasia. Rispondere a queste sfide è un obbligo morale e difficile.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: