Il football americano è un rituale gay?

Il football americano è un rituale gay?

Scrive Wikipedia alla voce football americano:

Il football americano è uno sport di squadra di grande atletismo e spettacolarità, originario degli Stati Uniti dove è una delle attività agonistiche più popolari e seguìta da molti anni. Giocandosi con una palla di forma ovale, ha analogie con il rugby solo per i modi in cui si segnano punti, ma lo sviluppo del gioco è totalmente diverso. La principale differenza è che il pallone può essere passato anche in avanti, sia pure una sola volta nell'azione in corso, a un giocatore attivo in qualsiasi parte del campo di gioco.

Ma il football americano, con quegli abiti attillatissimi, con quelle pacche sul di dietro e con tutto un simbolismo che ha, può essere un rituale gay? Ne è convinto l’antropologo Alan Dundes che in un saggio accademico, da molti considerato un classico, dal titolo Into the Endzone for a Touchdown: A Psychoanalytic Consideration of American Football, fa un’analisi del linguaggio usato in questo sport e dei suoi codici mostrando quanto sia impregnato di gergo omoerotico, tanto che lo si potrebbe quasi interpretare come una sorta di gioco dell’omosessualità repressa.

Sappiamo bene che il sesso permea tutte le nostre attività e che alcuni considerano le varie discipline sportive come una specie di guerra civilizzata. Ma lo sport potrebbe essere anche una sorta di attività sessuale in maschera? Scrive Alan Dundes:

È molto probabile che l’aspetto rituale del football, nel fornire un modo approvato dalla società di contatto fisico tra maschi sia un tipo di comportamento omosessuale. L’inequivocabile simbolismo sessuale del gioco rende difficile pensare altrimenti. Atti sessuali realizzati in forma simbolica, con abiti rituali e che coinvolge solo uomini, sembrerebbero costituire una vera e propria omosessualità rituale.

Via | Outsports

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: